PARTNERS

logo_roll.jpg

PAV

PAV collabora con artisti e istituzioni nell’ideazione e realizzazione di progetti culturali. Dalla sua fondazione nel 2000 a Roma, PAV si è specializzata in produzioneorganizzazione e amministrazione di festivalrassegnespettacoli e convegni. Lavora in maniera trasversale con istituzioni nazionaliteatriambasciatecompagnie e singoli artisti, combinando progetti di rilevanza istituzionale ad un monitoraggio e supporto continuo alla scena indipendente. Queste differenti aree di azione hanno sempre dialogato e interagito tra loro in maniera naturale: tale interazione si è rivelata una risorsa decisiva in molti progetti e in generale nell’intero percorso lavorativo che si è andato strutturando grazie a tali connessioni. Da segnalare inoltre il lavoro di organizzazione e supporto per il Centro Teatrale Santa Cristina – fondato da Luca Ronconi e oggi diretto da Roberta Carlotto – per l’alta formazione attoriale.
PAV è riconosciuto dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo come organismo di Promozione dal 2013 e per il triennio 2015-2017 ai sensi del D.M. 1 luglio 2014 Art. 43; inoltre è capofila del progetto europeo “Fabulamundi. Playwriting Europe”, finanziato prima dal Programma Cultura 2007-2013 della Commissione Europea e poi, a partire dal 2015, dal Programma Creative Europe dell’Unione Europea.
Dal 2013 PAV è socio CAE – Culture Action Europe e dal 2014 aderisce al progetto d’integrazione “Brokering Migrants’ Cultural participation” (MCP Broker), volto a stimolare la partecipazione culturale degli immigrati e a incrementare la capacità d’interazione delle istituzioni pubbliche locali.

Cooperativa Il Sicomoro

Nata nel 2002 collabora stabilmente con la Caritas di Matera Irsina, ispirandosi ai valori dello statuto della Caritas italiana e della Carta di impegno etico e di Federsolidarietà.

Il sicomoro è l’albero che nell’episodio evangelico della chiamata di Zaccheo diventa il mezzo grazie al quale Zaccheo, piccolo di statura e sovrastato dalla folla, riesce a mettersi in relazione con Gesù.

Oltre a servizi per favorire l’inserimento lavorativo, sono stati sviluppati i servizi di assistenza agli anziani, alla realizzazione di interventi di politiche attive nel lavoro, di accompagnamento per fasce deboli, accoglienza per i richiedenti asilo e i rifugiati.

sicomoro.jpg
teatrodellealbe.jpg

Teatro delle Albe

Il Teatro delle Albe – Ravenna Teatro fondato nel 1983 da Ermanna Montanari e Marco Martinelli, che ne curano la direzione artistica, insieme a Luigi Dadina e Marcella Nonni, si è affermata come una delle più importanti realtà sul piano nazionale e internazionale, che individua nell’attore, la drammaturgia e l’alchimia dei linguaggi scenici alcuni dei nodi di pensiero che ne caratterizzano fortemente la poetica.

Nel 1988 la compagnia acquisisce al suo interno dei griots senegalesi: Mandiaye N’Diaye (“colonna” africana della compagnia), Mor Awa Niang e El Hadji Niang. La formazione diventa afro-romagnola, e pratica un originale meticciato teatrale che coniuga drammaturgia e danza, musica e dialetti, invenzione e radici.

Tra gli spettacoli che hanno fortemente segnato il percorso della compagnia, caratterizzati da coproduzioni e collaborazioni con festival e teatri italiani e europei e insigniti di premi e riconoscimenti internazionali: Ruh. Romagna piu’africa uguale (1988), All’inferno! (1996), I Polacchi (1998) 2 Golden Laurel al Festival Internazionale “Mess” di Sarajevo, L’isola di Alcina (2000) premio Ubu come miglior attrice, Sogno di una notte di mezza estate (2002), La mano (2005), Sterminio (2006) 4 Premi Ubu, Rosvita (2008) premio Ubu come miglior attrice, L’Avaro (2010), Rumore di acque (2010) patrocinio di Amnesty International, PANTANI (2012) premio Duse come miglior attrice, Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi (2014) patrocinio di Amnesty International, LUṢ (2015) prodotto da Emilia Romagna Teatro Fondazione in collaborazione con il Teatro delle Albe-Ravenna Teatro.

Aesvi

AESVI (Associazione Editori Sviluppatori Videogiochi Italiani) è l’Associazione di categoria dell’industria dei videogiochi che rappresenta i produttori di console, gli editori e gli sviluppatori di videogiochi operanti in Italia. 

L’Associazione nasce nel 2001 per iniziativa di un gruppo di publisher presenti sul territorio italiano con lo scopo di rappresentare, promuovere e tutelare gli interessi collettivi del settore presso le istituzioni. Alla fine del 2003 entrano a far parte dell’Associazione i tre grandi produttori di hardware per videogiochi: Sony Computer Entertainment, Nintendo e Microsoft, conferendo all’Associazione una rappresentatività completa del mercato di riferimento. AESVI conta attualmente quaranta nove soci, che si distinguono tra soci hardware, soci software e soci developer.

A livello internazionale AESVI aderisce dal 2002 all’Associazione di categoria europea ISFE (Interactive Software Federation of Europe) con sede a Bruxelles e dal 2005 è membro del Board of Directors della medesima. Dal 2010 è socio aggregato di Confindustria Cultura Italia, la Federazione Italiana dell’Industria Culturale.

.

aesivi.png
logo-teatro-toscana.png

Teatro della Toscana

La Fondazione Teatro della Toscana nasce nel 2015 con lo scopo di mantenere, tutelare e valorizzare il patrimonio monumentale, storico e culturale del Teatro “La Pergola” di Firenze, la cui proprietà, dopo lo scioglimento nel 2010 dell’Ente Teatrale Italiano che lo gestiva, era passata alla Fondazione Teatro della Pergola, costituita dal Comune di Firenze e dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze. L’obiettivo è quello di creare un Centro Internazionale di Cultura teatrale che coniughi attività di formazione, attività di valorizzazione delle lingue nazionali ed attività di Archivio, sia bibliografico che audiovisivo.

Il Teatro della Toscana è una realtà che si propone di mettere insieme competenze e progetti appartenenti a geografie artistiche e culturali diverse (Teatro della Pergola, Teatro Niccolini, Teatro Studio Mila Peralli di Scandicci, Teatro Era di Pontedera) in una piattaforma comune con coordinate definite e con un meccanismo societario duttile e rapido.

La programmazione artistica è improntata alla creazione di un’unica nuova identità.
Da un lato, il grande teatro di tradizione, con l’utilizzo di spazi teatrali che hanno ospitato la grande prosa italiana e i grandi protagonisti dell’Ottocento e del Novecento, dove vengono create produzioni e progetti aperti ad un vasto pubblico, con alcuni fra gli artisti tra i più stimati e riconosciuti, una struttura comunque da sempre luogo di sperimentazione, di movimento, di ricerca, in un complesso che è esso stesso attraverso i suoi spazi fisici (antiche sale degli scenografi, sale ballo, vicoli, scenografia, ecc.) la rappresentazione vivente del ‘farsi del teatro’ nei secoli.

Dall’altro le produzioni di ricerca italiane e internazionali, progetti di lavoro rivolti a sperimentare un diverso rapporto tra spettatore e teatro, rassegne multidisciplinari con un ampio spazio dato alle nuove generazioni (autori e gruppi) oltre a un lavoro di alta formazione per artisti e gruppi di teatro.

Istituto Luce-Cinecittà

è la società pubblica che opera come braccio operativo del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e una delle principali realtà del settore cinematografico, con una varietà di impegni e attività che si traducono nella più ampia missione di sostegno alla cinematografia e all’audiovisivo italiani.

 

Con l’approvazione nel luglio 2017 dell’acquisizione del ramo d’azienda di Cinecittà Studios, gli storici studi di Via Tuscolana sono ritornati sotto il controllo pubblico gestiti e coordinati da Istituto Luce-Cinecittà, che ne cura ampliamento e valorizzazione delle attività. Così, a fianco delle sue storiche competenze si unificano a quelle di Luce-Cinecittà le attività degli Studios: dalla gestione dei teatri di posa, alle costruzioni scenografiche, al lavoro di maestranze, passando per la post-produzione digitale, la conservazione delle opere filmiche fino alla ricezione turistica, ad eventi e mostre, alla diffusione di prodotti con il marchio Cinecittà: un brand conosciuto in tutto il mondo. Per giungere alla nascita del futuro MIAC, il Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema, un grande innovativo spazio permanente che narrerà la storia dell’immaginario degli italiani nel XX e XXI secolo. Così da fare di Cinecittà un polo unico e internazionale in grado di unire tutta la filiera del cinema e dell’audiovisivo.

In un quadro in cui  

Luce-Cinecittà vuole giocare un ruolo centrale nell'innovazione del mercato audiovisivo, nasce la volontà di incentivare le imprese e l'occupazione in un settore, come quello del videogame, in via di affermazione definitiva nell'industria creativa. viene da qui il grande progetto di ospitare RomeVideoGameLab dentro gli Studios di Cinecittà, aprendo così le porte della casa del cinema italiano ai nuovi linguaggi, racconti e immaginari del videogame. E nasce da questa volontà Cinecittà Game Hub, uno spazio fisico e operativo di 1000 metri quadrati situato all'interno di Cinecittà, che aprirà i battenti a settembre 2018, che ospiterà tutte le attività a supporto della filiera del settore.

ci-def-loghi-luce.png
ci-def-loghi-aiv.png

AIV - Accademia Italiana Videogiochi

AIV - Accademia Italiana Videogiochi è il primo istituto italiano di alta formazione nel settore videoludico. Nata nel 2004 da un’idea di Luca De Dominicis, con sede a Roma, l’offerta formativa di AIV si compone di due corsi di durata triennale (Programmazione per Videogiochi e Grafica per Videogiochi), un corso di durata biennale (Game Design), un Master di I livello in Musica per Videogiochi organizzato in collaborazione con l’Accademia di Santa Cecilia di Roma e un Master in Art Direction organizzato attraverso IDEA Academy.

 

AIV predilige un metodo di apprendimento e un approccio pratico che permette agli studenti di toccare fin da subito “con mano” tutti gli aspetti legati alla creazione di un videogiochi e tutte le competenze professionali necessarie per sviluppare una demo tecnica, capire le dinamiche industriali e i processi produttivi del settore.

logo.png
Q Academy impresa sociale srl

Sede legale: V.le Di Villa Massimo, 29 – 00161 Roma
Designed By Giuseppe Sciarra

Informazioni di Contatto

info@qacademy.it

Telefono: 06. 45437321

Privacy Policy